DIPARTIMENTO PROMOZIONE DELLA SALUTE, DEL BENESSERE
SOCIALE E DELLO SPORT PER TUTTI
SEZIONE RISORSE STRUMENTALI E TECNOLOGICHE
www.regione.puglia.it
via Gentile, 52 70126 Bari – PEC: ufficiosifi.regione.puglia@pec.rupar.puglia.it
tel. 080.540.3481 email: v.bavaro@regione.puglia.it pag. 1 di 6
AOO_081/PROT/04/06/2019/0002851
PROTOCOLLO USCITA
Trasmissione esclusivamente in modalità telematica ai sensi del d.lgs. 82/2005, se non diversamente indicato
Direttori Generali
• delle Aziende Sanitarie Locali
• delle Aziende Ospedaliero Universitarie
• degli IRCCS pubblici e privati
• degli Enti Ecclesiastici
e per il loro tramite
ai responsabili della ricetta dematerializzata
ai responsabili dei CUP aziendali
ai responsabili unici aziendali delle liste di attesa (RULA) delle aziende pubbliche
Sezione Strategia e Governo dell’Offerta
Segreteria del Comitato Permanente Regionale MMG e PLS
InnovaPuglia S.p.A.
e,p.c. Direttore del Dipartimento Promozione della Salute, del Benessere Sociale e dello Spot per Tutti
Exprivia S.p.A.
Oggetto: D.M. 2/11/2011. Ricetta dematerializzata. Implementazione controlli bloccanti ai sensi del Piano Nazionale Governo Liste d’Attesa (PNGLA) per il periodo 2019-2021. COMUNICAZIONE
Come noto con Intesa Stato-Regioni del 21 febbraio 2019 è stato approvato il “Piano Nazionale di Governo delle Liste di Attesa per il Triennio 2019/2020” (Rep. Atti 28/CSR/2019) di cui all’articolo 1, comma 280 della legge 23 dicembre 2005, n.266.
Successivamente, in conformità alle previsioni del PNGLA, con deliberazione della Giunta regionale n. 735 del 18 aprile 2019 è stato adottato il Piano Regionale di Governo delle Liste di Attesa (PRGLA) per il triennio 2018/2021.
Il PNGLA ed il PRGLA sono disponibili nella pagina dedicata del portale regionale della salute, al seguente link:
https://www.sanita.puglia.it/web/pugliasalute/tempi-di-attesa1
Sulla base delle previsioni del PNGLA sono stati implementati nel sistema di accoglienza centrale (SAC) per la gestione della ricetta dematerializzata nuovi controlli sia in fase di prescrizione sia in fase di erogazione, finalizzati da un lato a meglio assicurare l’accesso alle prestazioni per classi di priorità, dall’altro a raccogliere informazioni più dettagliate ai fini del monitoraggio dei tempi di attesa.
I controlli implementati per la ricetta dematerializzata sono riportati, in maniera discorsiva, nel documento pubblicato nel portale del Sistema Tessera Sanitaria all’indirizzo:
https://sistemats1.sanita.finanze.it/portale/ricetta-elettronica/documenti-e-specifiche-tecniche-prescrittore
Premesso quanto sopra, si evidenzia che i controlli applicati dal SAC sono immediatamente operativi anche per le Regioni come la Puglia dove i medici prescrittori e gli erogatori sono collegati al sistema di accoglienza regionale (SAR), ossia al SIST Puglia.
È confermato l’obbligo, per il medico prescrittore, di indicare, per le prestazioni oggetto di monitoraggio nel PNGLA, se le prestazioni prescritte si riferiscono o meno ad un “primo accesso” e, per i primi accessi, la classe di priorità.
Inoltre, nella prospettiva di un previsto allargamento delle prestazioni oggetto di monitoraggio dei tempi di attesa (in aggiunta a quelle indicate nel PNGLA attualmente vigente), come pure per consentire alle Regioni di estendere il set di prestazioni oggetto di monitoraggio, è facoltativa l’indicazione della tipologia di accesso anche per le prestazioni che non sono indicate nel PNGLA. Nel caso in cui il prescrittore indica che la prestazione è di “primo accesso”, diviene però obbligatoria l’indicazione della classe di priorità.
In tutti i casi in cui la prestazione prescritta non è di “primo accesso”, la “classe di priorità” non deve essere impostata.
Si rammenta che si definisce “primo accesso” la prima visita o il primo esame di diagnostica strumentale e la visita o la prestazione di approfondimento erogati da specialista diverso dal primo osservatore; nel caso di un paziente cronico, si considera primo accesso la visita o l’esame strumentale necessari in seguito ad un peggioramento del quadro clinico.
In allegato le prestazioni oggetto di monitoraggio nel PNGLA, così come riportate anche nel PRGLA.
In caso di prestazioni di primo accesso, ricomprese nel PNGLA, il medico è obbligato a riportare in ricetta anche il codice di priorità:
• U – URGENTE – per condizioni di particolare rilevanza e gravità clinica (entro 72 ore)
• B – BREVE – prestazione la cui tempestiva esecuzione condiziona in un arco di tempo breve la prognosi a breve del paziente o influenza marcatamente il dolore, la disfunzione o la disabilità (entro 10 giorni)
• D – DIFFERIBILE – prestazione la cui tempestiva esecuzione non influenza significativamente la prognosi a breve, ma è richiesta sulla base della presenza di dolore o di disfunzione o disabilità (entro 30 giorni per le visite e 60 giorni per gli accertamenti diagnostici)
• P – PROGRAMMABILE prestazione che può essere programmata in un maggiore arco di tempo in quanto non influenza la prognosi, il dolore, la disfunzione, la disabilità (entro 180 giorni fino al 31/12/2019 ed entro 120 giorni da 1/1/2020).
Si evidenzia che i nuovi controlli comportano adempimenti anche a carico dell’erogatore che, in caso di prestazioni riferibili ad un primo accesso (sia PNGLA che non PNGLA), deve obbligatoriamente compilare i seguenti campi:
• garanzia dei tempi massimi secondo i valori previsti (dato acquisito in fase di prenotazione);
• data prenotazione della prestazione;
• data erogazione della prestazione.
Si ricorda che il campo “garanzia dei tempi massimi” indica le situazioni per le quali il cittadino accede alla garanzia dei tempi massimi, oppure i casi in cui per vari motivi, tra cui il principale la rinuncia alla prima disponibilità, il SSR non è obbligato a garantire i tempi massimi previsti per la classe di priorità indicata in ricetta.
I suddetti controlli sono già operativi per cui si invita a dare massima diffusione della presente nota e della documentazione richiamata a tutti i medici prescrittori (MMG, PLS, medici specialisti dipendenti e convenzionati) nonché a tutte le strutture erogatrici di prestazioni specialistiche ambulatoriali, sia pubbliche che private accreditate.
La presente nota viene pubblicata sul portale del SIST Puglia (a cura di InnovaPuglia S.p.A.) e sul portale interno del sistema Edotto (a cura di Exprivia S.p.A.).
Il Dirigente della Sezione
(ing. Vito Bavaro)
Documento firmato digitalmente